REGOLAMENTO SQUAT ESECUZIONE

Il sollevatore assumerà una posizione eretta, La barra sarà tenuta orizzontalmente di traverso sulle spalle con mani e dita aggrappate alla barra ( le mani possono essere anche a contatto con la parte interna dei collari) ed i piedi piatti sulla pedana con ginocchia dritte. Dopo aver rimosso la barra dagli appoggi, il sollevatore deve muoversi all’indietro, e stabilirsi in posizione di partenza. Il sollevatore aspetterà in questa posizione il segnale del capo giudice. Il segnale sarà dato subito, non appena il sollevatore sia immobile, eretto e con le ginocchia dritte, e la barra appropriatamente posizionata. Qualora vengano usati cavalletti idraulici che si ritirano, il sollevatore deve rimuovere il peso prima che questi vengano ritirati, ed aspettare immobile il segnale del capo giudice. Questo segnale consisterà in un movimento verso il basso del braccio, ed in un udibile comando di “squat ! Prima di ricevere il segnale, il sollevatore può effettuare aggiustamenti di posizione come da regolamento senza penalità. Dopo aver ricevuto il segnale del capo giudice, il sollevatore deve flettere le ginocchia ed abbassare il corpo sino a che la superficie superiore delle cosce vicino all’anca sia più in basso della superficie superiore delle ginocchia Il sollevatore deve quindi rialzarsi dal punto più basso dello squat, senza doppio rimbalzo od ogni altro movimento verso il basso, una volta cominciata la risalita (eventuali fermate sono permesse) sino a raggiungere nuovamente la posizione eretta con ginocchia dritte. Quando il sollevatore è nuovamente immobile, il giudice darà il segnale di riporre la barra. Questo segnale verrà dato quando il sollevatore è apparentemente nella posizione finale, come meglio determinato dal capo giudice (anche qualora la posizione non sia correttamente in accordo con le regole). Il segnale consisterà in un movimento all’indietro del braccio, ed in un udibile comando di “RACK! “. Dopo aver ricevuto il segnale di “RACK”‘, il sollevatore dovrà effettuare un tentativo “in buona fede’” di riporre la barra sugli appoggi. Tale tentativo sarà indicato da un minimo di un passo verso gli appoggi, dopo di che il sollevatore può richiedere, se necessario, l’aiuto degli assistenti per riporre la barra. Il sollevatore non toccherà i collari” manicotti o pesi in nessun momento dell’esecuzione dell’alzata. Comunque il lato esterno delle mani potrà venire in contatto con la superficie interna dei collari. Ci dovranno essere in pedana non più di 5 e non meno di 2 assistenti/caricatori in qualunque momento.

CAUSE DI SQUALIFICA DI UNO SQUAT:

a) Mancata osservazione dei segnali del giudice all’inizio o al completamento dell’alzata. b) Cambiamento della posizione delle mani lateralmente all’interno o all’esterno dopo aver ricevuto il segnale di inizio c) Doppio rimbalzo o più di un tentativo di rialzarsi dal fondo dell’alzata. d) Mancato raggiungimento della posizione eretta con ginocchia dritte all’inizio o al completamento dell’alzata. e) Qualunque spostamento dei piedi, laterale, in avanti o indietro, durante l’esecuzione dell’alzata. Le punte o i talloni possono staccarsi dalla pedana, ma devono ritornare nella stessa posizione. f) Mancata flessione delle ginocchia ed abbassamento del corpo sino a che la superficie superiore delle cosce vicino all’anca sia più in basso della superficie superiore delle ginocchia g) Cambio di posizione della barra di traverso sulle spalle dopo l’inizio dell’alzata. Questo si applica sui rotolamenti,intenzionali o meno, della barra che aiutino l’esecuzione dell’alzata – non ai minuscoli cambi di posizione che non aiutino il sollevatore. h) Contatto della barra, pesi o atleta con l’assistente/caricatore tra i segnali del giudice. Contatto di braccia o gomiti con le gambe durante lo squat. i) Mancato tentativo in buona fede di riporre la barra sugli appoggi. l)Qualunque intenzionale atto di far cadere la barra.

REGOLAMENTO DISTENSIONE SU PANCA PIANA

ESECUZIONE : a) Il fronte della panca deve essere piazzato sulla pedana di fronte al capo giudice. b) Il sollevatore deve posizionarsi in decubito supino sulla panca con testa, spalle e glutei a contatto con la superficie della panca. I piedi devono essere piatti sul pavimento. Questa posizione deve essere mantenuta durante tutto il tentativo dopo che è stato dato il segnale di “clap” e cioè di battito delle mani, oppure il “press” detto ad alta voce dall’arbitro. c) Qualora il costume del sollevatore e la superficie della panca non siano in sufficiente contrasto di colore, tale da permettere al giudice una netta distinzione e rilevare qualunque possibile movimento del corpo nei punti di contatto, allora la panca dovrà essere coperta di conseguenza da un altro colore. d) Per acquisire la posizione ferma del piede, il sollevatore può utilizzare dischi o blocchi non più alti di 30cm per costruirsi un appoggio sulla pedana. Qualunque metodo venga scelto, il piede dovrà essere piatto su questa superficie. I blocchi non dovranno essere più di 45 x 45cm di lunghezza o larghezza. e) Non ci dovranno essere più di quattro e non meno di due assistenti/caricatori. Il sollevatore potrà sollevare il peso dagli appoggi da solo, o richiedere l’aiuto degli assistenti o di un allenatore personale. La barra staccata dagli appoggi deve essere tenuta a braccia tese, e non sul petto. f) Lo spazio tra le mani non supererà gli 81cm, misurati tra gli indici.

CAUSE DI SQUALIFICA DELLA PANCA

a) Mancata osservazione dei segnali del giudice dell’inizio e del completamento dell’alzata. b) Rimbalzo o arrivo pesante della barra sul petto. c) Affondamento della barra nel petto dopo aver ricevuto il segnale del giudice. d) Qualunque non completa distensione delle braccia al completamento dell’alzata. e) Ogni movimento verso il basso di una o entrambe le mani durante la fase di risalita f) Contatto della barra, pesi o atleta con l’assistente/caricatore tra i segnali del giudice. g) Contatto dei piedi del sollevatore con la panca o gli appoggi della stessa. h) Alzata non perfettamente parallela al terreno (barra asimmetrica)

REGOLAMENTO STACCO DA TERRA

ESECUZIONE La barra deve stare orizzontalmente davanti ai piedi del sollevatore, impugnata con una presa opzionale con entrambe le mani, ed alzata sino a che il sollevatore sia eretto con le ginocchia dritte. La barra può fermarsi, ma non deve mai abbassarsi durante l’alzata. Il sollevatore deve essere di fronte alla pedana. A completamento dell’alzata, le ginocchia saranno ferme in posizione dritta e le spalle saranno tenute in posizione eretta (non in avanti né arrotondate). La testa, le anche e i talloni dell’atleta visto di profilo devono determinare una linea retta, solo allora l’alzata è ritenuta valida. Il segnale del capo giudice consisterà in un movimento verso il basso della mano ed in un udibile comando di”down” (giu). Il segnale non verrà dato sino a che la barra non sia tenuta immobile ed il sollevatore nella posizione di chiusura dell’alzata. Ogni tentativo di alzare la barra dalla pedana sarà contato come un autentico tentativo.

CAUSE DI SQUALFICA NELLO STACCO DA TERRA

a) Ogni movimento verso il basso della barra durante la fase di salita. b) Mancato raggiungimento della posizione dritta con spalle erette. c) Mancato raggiungimento della posizione dritta delle ginocchia al completamento dell’alzata. d) Supportare la barra con le gambe durante l’esecuzione dell’alzata (infilata). Questo sarà determinato da ogni tentativo secondario di flettere le ginocchia. e) Qualunque movimento laterale del piede, spostamento avanti o indietro dei piedi. f) Abbassamento della barra prima del segnale del capo giudice. g) Lasciare andare la barra verso la pedana senza alcun controllo e senza tenerla con entrambe le mani. h) Non avere i calzettoni fino al ginocchio